In occasione del 40° anniversario dalla prima trasmissione televisiva italiana, Anime Factory si appresta a proporre la prima e originale serie animata di Capitan Harlock, uno dei personaggi più rappresentativi dell’intera animazione giapponese.

Capitan Harlock – La Serie Completa sarà disponibile a partire dal 20 Giugno 2019 in un’esclusiva edizione home video impreziosita da nuovi master video e sottotitoli fedeli al doppiaggio originale.

La genesi dell’opera

Era il 1977 quando la rivista quindicinale Play Comic dell’editore Akita Shoten, iniziava la pubblicazione del manga Capitan Harlock Il pirata dello spazio di Leiji Matsumoto (pseudonimo di Akira Matsumoto), che raccoglieva l’eredità del suo precedente manga western Gun Frontier pubblicato nel 1972 sulla stessa rivista.

È a partire da quel soggetto originale dal quale nel 1978, il celeberrimo studio Toei Animation decise di creare una trasposizione animata di quarantadue episodi, diretta da Rintaro (pseudonimo di Shigeyuki Hayashi) e musicata da Seiji Yokoyama.

In Giappone il primo episodio andò in onda martedì 14 marzo ottobre 1978 sull’emittente TV Asahi (nota fino al 31 marzo 1977 come NET), mentre in Italia le trasmissioni iniziarono un anno più tardi, il 9 aprile 1979 su Rai 2 (allora denominata Rete 2).

L’icona contro il sistema costituito

Alla guida dell’astronave spaziale Alkadia, Harlock si trova ad affrontare una realtà in cui da un lato le macchine hanno finito per sostituire l’uomo nello svolgimento dei lavori più comuni, e dall’altro, a causa dell’avidità manifestata dagli abitanti del pianeta Terra, i mari sono stati quasi prosciugati e le materie prime vengono ricavate da altri pianeti.

Una realtà la cui classe dirigente, rappresentata dal Primo Ministro, sembra essere interessata esclusivamente ad ottenere il consenso e a negare l’evidenza della drammatica realtà.

Harlock è a tutti gli effetti un emarginato, supportato esclusivamente dalla propria ciurma nel tentativo di respingere l’attacco delle aliene in fuga dal morente pianeta Mazone, ora intenzionate a conquistare la Terra.

Un pirata senza età

Il successo senza fine del personaggio creato da Leiji Matsumoto, ha trovato ulteriore conferma nella trasposizione cinematografica che ha visto Capitan Harlock protagonista di un lungometraggio in CGI, presentato fuori concorso alla 70ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia nel 2013.

La realizzazione in computer grafica è stata affidata all’esperto Shinji Aramaki, già regista della versione cinematografica di Appleseed, tratto dall’omonimo manga di Masamune Shirow.

Il film ha riscosso numerosi consensi in patria ma soprattutto in Italia, dimostrando l’immortalità del personaggio e dei valori senza tempo da esso incarnati.

Quale miglior occasione del cofanetto Capitan Harlock – La Serie Completa per riscoprire come tutto ha avuto inizio?