Libera rivisitazione della favola di Cappuccetto Rosso, ambientata in un Giappone postbellico messo in ginocchio da terrorismo e rivolte sociali, Jin-Roh – Uomini e lupi di Hiroyuki Okiura è il lungometraggio d’animazione che Anime Factory proporrà in home video a partire dal 14 febbraio 2019.

Il film sarà disponibile in edizione DVD a doppio disco e in edizione Blu-Ray+DVD, entrambe ricche di contenuti speciali esclusivi sul secondo disco DVD.

Ma andiamo a vedere nel dettaglio di cosa si tratta.

Conosciamo la Kerberos Saga

Aggiudicatosi il Premio speciale della giuria al Fantasporto Film Festival del 1999, Jin-Roh – Uomini e lupi è l’ultimo capitolo cinematografico del corpus narrativo creato nel 1986 da Mamoru Oshii, cresciuto nel tempo con la produzione di film dal vivo, anime e manga.

L’inizio della saga coincide con il radiodramma che ha fatto da preludio al live action “Akai Megane” (Occhiali Rossi), girato in bianco e nero e internazionalmente conosciuto con il titolo The Red Spectacles, cui hanno fatto seguito due brevi manga e il lungometraggio “Kerberos – Jigoku no Banken” (Kerberos – I cani da guardia dell’inferno), del 1991.

Noto al mondo come StrayDog: Kerberos Panzer Cops, quest’ultimo ha preceduto il film d’animazione

 che, pur costituendo il terzo capitolo della serie cinematografica, racconta eventi precedenti a quelli rappresentati nei primi due lungometraggi.

DIMENSIONE ALTERNATIVA

Se Akai Megane e Kerberos – Jigoku no Banken hanno per oggetto la rivolta del Kerberos Panzer Cops, gruppo speciale di polizia antiterrorismo costituito da membri provvisti di armamento protettivo pesante e pervasi da un estremo senso di giustizia, in Jin-Roh – Uomini e lupi assistiamo all’inizio della vicenda.

In un Giappone che lotta per uscire da un difficile dopoguerra, una giovane terrorista si lascia esplodere con una bomba davanti agli occhi dell’esitante Kazuki Fuse, agente della polizia speciale antiterrorismo DIME.

Nello scenario costituito da una Tokyo alternativa dei primi anni sessanta, si svolgono le vicende di Fuse, in seguito sottoposto a provvedimento disciplinare e continuamente tormentato dal ricordo dell’accaduto; nel frattempo, complessi intrighi di potere sembrerebbero volere lo smantellamento della DIME e la presenza di un’organizzazione parallela al suo interno denominata Jin-Roh, gli Uomini-Lupo.

I membri della DIME sono equipaggiati con le protect gear, armamento protettivo pesante dotato di elmetto d’acciaio con maschera per l’ossigeno e visione notturna, reso offensivo dalla presenza di mitragliatrici tedesche MG 42.

Da Oshii a Okiura… fino a Kim Jee-woon

Per quale motivo Jin-Roh – Uomini e lupi non è stato diretto da Oshii e non è, come i primi due, un prodotto live action?

La risposta è molto semplice: sebbene il film fosse stato inizialmente pianificato per il 1994 come terzo capitolo realizzato con attori in carne ed ossa, il regista dovette rinunciarvi perché impegnato nella realizzazione di Ghost in the Shell. Decise quindi di affidarne la regia a Hiroyuki Okiura, già suo collaboratore nel monumentale film Patlabor 2 the Movie.

Da allora, la saga è proseguita tramite altri manga, radiodrammi, graphic collection e cortometraggi… fino al momento in cui nel 2018, il sudcoreano Kim Jee-woon ha realizzato l’action movie fantascientifico Illang (letteralmente Uomo-Lupo, ossia Jin-Roh).